giovedì 2 luglio 2015

Recensioni spot: Un albero cresce a Brooklyn, di Betty Smith - Edizioni Neri Pozza


Girottando nel web ho notato che in tanti hanno pubblicato come recensione qualche estratto delle pagine di questo libro. Anche lo farò, anche se sono troppe le “orecchiette” con cui ho segnto i passi che più mi hanno colpito. Francie Nolan è come un albero, che resiste alla mancanza di luce ed acqua, che invece di morire sembra combattere una lotta disperata per arrivare a protendere i suoi rami verso il cielo. Francie Nolan è la povertà vista attraverso gli occhi di una ragazzina che usa l’immaginazione, il suo spirito di osservazione e l’amore per i libri per riscattarsi da un mondo che sembra non avere un posto per lei. La sua determinazione e il suo desiderio infinito di imparare, dalla vita come dei libri, la porteranno in alto, come fosse il prolungamento di quell’albero ostinato che cresce solitario tra il cemento del suo quartiere. Ogni pagina è una vera e propria iniezione di gioia di vivere, di ottimismo, di coraggio. Bellissimo!



UN BREVE ESTRATTO:

«Ma, mamma, non esistono le fate e gli spiriti. Insegnerei a mia figlia solo stupide bugie.».
Mary rispose dura: «Come sai che non esistono gli spiriti sulla terra e gli angeli in cielo?».
«So che Babbo Natale non esiste».
«Però devi insegnare a tua figlia che esiste».
«Perché, se io stessa non ci credo?»
«Perchè» rispose semplicemente Mary Rommely «la bambina deve possedere quella cosa così preziosa che è l'immaginazione. Il bambino deve avere un suo mondo segreto dove vivono e si muovono le cose che non esistono. E' necessario che ci creda e che cominci a credere in cose che non sono di questo mondo. Così quando il mondo diventa troppo brutto per poterci vivere, il bambino può ritirarsi in quello della sua immaginazione...»

«Ma la bambina diventerà grande e finirà per scoprire le cose da sola. Allora saprà che le ho mentito e si sentirà delusa».
«E' quello che si chiama apprendere la verità. E' bene imparare da soli la verità. Anche credere con tutto il cuore e poi non credere più è un bene. Così le nostre emozioni si nutrono e si allenano...»

«Che cos'altro devo insegnare a mia figlia?».
«La bambina deve credere nel Paradiso. Non un Paradiso pieno di angeli e con il Buon Dio seduto in trono (...) ma un Paradiso che sia un luogo meraviglioso di cui si possa sognare, un luogo dove i desideri si realizzano. Probabilmente è un'altra forma di religione. Non so».


Titolo: Un albero cresce a Brooklyn
Autore: Betty Smith
Casa Editrice: Neri Pozza
Pagine: 575
Traduttore: Pietribiasi A.

0 commenti:

Posta un commento