sabato 5 dicembre 2015

Coffee break



Perché dobbiamo restare  tutti soli fino a questo punto? Pensai. che bisogno c'è? con tutte le persone che vivono su questo pianeta, e se ognuno di noi cerca qualcosa nell'altro, perché alla fine dobbiamo essere così soli? A che scopo? Forse il pianeta continua a ruotare nutrendosi della solitudine delle persone?
                                                   ***


Così continuiamo a vivere la nostra vita, pensai. Segnati da perdite profonde e definitive, derubati delle cose per noi più preziose, trasformati in persone diverse che di sé conserveranno  solo lo strato esterno della pelle; tuttavia, silenziosamente, continuiamo a vivere. Allungando le mani, riusciamo a prenderci la quantità di tempo che ci è assegnata, e poi la guardiamo mentre indietreggia alle nostre spalle. A volte, nel ripetersi dei gesti quotidiani, sappiamo farlo anche con destrezza.

Sfogliando "La ragazza dello Sputnik", di Haruki Murakami 

6 commenti:

  1. Ho letto questo libro qualche anno fa quindi non ricordi tutto... ma ricordo che mi è piaciuto moltissimo e ora a rileggere queste belle frasi ne sono ancora più convinta... di questo libro mi piacevano moltissimo la protagonista femminile e soprattutto il finale e l'atmosfera quasi soprannaturale di cose inspiegabili....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Arianna. Ho il vizio di segnare con orecchiette le pagine dei libri che leggono, quelle che contengono le frasi che mi hanno colpito, e poi le trascrivo su un quaderno in modo da non dimenticarmene più. Lo farò ogni sabato mattina anche qui. Secondo me questo è il libro più bello che ho letto di Murakami, e ne ho letti diversi. L'atmosfera onirica pervade sempre i suoi romanzi, ma in questo raggiunge anche qualcosa di poetico, di inafferabile, di nostalgico che gli altri romanzi non hanno. Bellissimo!!

      Elimina
    2. Io invece ho letto solo due libri di Murakami: il primo è stato Norvegian Wood, mi è piaciuto, ma non troppo... e poi ho letto questo... l'ho amato, credo sia uno dei libri che più mi ha segnato durante il liceo... mi riprometto sempre di leggerne anche altri di Murakami e prima o poi lo farò :)

      Elimina
  2. *__* devo leggerlo, da moltissimo! Sarà, probabilmente, il prossimo Murakami ^^
    Lo hai definito "il più bello letto"... non si fa XD Appena finisco Dio di illusioni (in corso) quasi quasi... ^_^

    RispondiElimina
  3. bellissima estrapolazione. ho letto un paio di libri di murakami alcuni anni fa. riprenderò le sue opere a partire da questo. ps grazie per commento da cosmo :-) elucy

    RispondiElimina
  4. Murakami si sa, ti fa partire per viaggi assurdi facendoteli sembrare reali e possibili. Non è uno stile che piace a tutti, perché spesso i suoi romanzi ti lasciano senza una vera fine, con poche risposte e tante altre domande. Per me. è uno dei massimi autori contemporanei. Lo leggerei anche se mi propinasse l'elenco telefonico di Tokyo! Provate e poi ditemi cosa ne pensate!

    RispondiElimina