venerdì 29 aprile 2016

Explicit - Il Grande Gatsby, di Francis Scott Fitzgerald


 ...E mentre sedevo là a riflettere sul vecchio mondo sconosciuto, pensai alla meraviglia di Gatsby la prima volta che individuò la luce verde sul molo di Daisy. Aveva fatto molta strada per arrivare a questo prato azzurro, e il suo sogno gli doveva essere sembrato così vicino da non potergli più sfuggire. Non sapeva che l'aveva già alle spalle, da qualche parte nella vasta oscurità oltre la città, dove i campi bui della repubblica si stendevano nella notte. Gatsby credeva nella luce verde, al futuro orgiastico che anno dopo anno indietreggia di fronte a noi. Ci è sfuggito allora, ma non importa - domani correremo più forte, allungheremo ancora di più le braccia... e una bella mattina... Così remiamo, barche controcorrente, risospinti senza sosta nel passato.
da PensieriParole <http://www.pensieriparole.it/racconti/aneddoti/racconto-185303-1>

4 commenti:

  1. Un libro che ho amato e amo moltissimo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche per me, assolutamente...tra i libri del cuore. Amo tantissimo tutte le opere di Fitzgerald, uno dei miei scrittori preferiti

      Elimina
  2. Questo è tra i finali più belli della letteratura. Per per me il più in assoluto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo proprio di sì! Tutto il libro è meraviglioso, e la sua chiusa indimenticabile, poetica e struggente

      Elimina