lunedì 9 maggio 2016

Incipit - Tokyo Blues (Norwegian wood)

  
Avevo trentasette anni, ed ero seduto a bordo di un Boeing 747. Il gigantesco velivolo aveva cominciato la discesa attraverso densi strati di nubi piovose, e dopo poco sarebbe atterrato all’aeroporto di Amburgo. La fredda pioggia di novembre tingeva di scuro la terra trasformando tutta la scena, con i meccanici negli impermeabili, le bandiere issate sugli anonimi edifici dell’aeroporto e l’insegna pubblicitaria della Bmw, in un tetro paesaggio di scuola fiamminga. È proprio vero: sono di nuovo in Germania, pensai. 
Quando l’aereo ebbe completato l’attcrraggio, la scritta “Vietato fumare” si spense e dagli altoparlanti sul soffitto cominciò a diffondersi a basso volume una musica di sottofondo.
Era Norwegian Wood dei Beatles in una annacquata versione orchestrale. E come sempre mi bastò riconoscerne la melodia per sentirmi turbato.
Anzi, questa volta ne fui agitato e sconvolto come non mi era mai accaduto.
Nel tentativo di calmarmi, mi piegai coprendomi la faccia con le mani e restai assolutamente immobile. Dopo qualche istante la hostess tedesca si avvicinò e mi chiese in inglese se mi sentissi male.
Non è nulla, risposi, solo un giramento di testa.
“Davvero non posso fare niente per lei?”
“Davvero, non è nulla. Grazie,” dissi.
La hostess mi sorrise e si allontanò. La musica di sottofondo era adesso un pezzo di Billy Joel. Sollevai il viso, e mentre guardavo le nuvole scure sospese sopra il Mare del Nord, la mia mente andò a tutte le cose che avevo perduto nel corso della vita. Il tempo passato, le persone morte o mai più riviste, le emozioni che non possono rivivere.

2 commenti:

  1. Ho adorato questo libro, il primo con il quale mi sono avvicinata - e innamorata - di Murakami! So che il mondo è diviso in due parti, chi lo ama e chi lo detesta... Io personalmente ho trovato il suo modo di scrivere e le sue storie diverse da quelle europee/americane ed è sempre un piacere leggere i suoi libri ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io mi sono innamorata di Murakami grazie a questo romanzo, che ho adorato. Io appartengo alla categoria che ama incondizionatamente quest'uomo, anche se a volte mi fa compiere viaggi mentali al limite dell'assurdo. Ma anche quando lo fa, è tutto così straordinario da lasciarmi sempre a bocca aperta!

      Elimina