lunedì 11 luglio 2016

Incipit: Ritrovarsi a Parigi, di Gajto Gazdanov


Pierre Fauré lasciò la capitale con l'espresso delle nove e mezza del mattino che partiva dalla gare d'Austerliz. Era il 2 agosto. Pioveva incessantemente da tre giorni; durante la notte prima della partenza si era svegliato ogni due o tre ore  - e ogni volta aveva udito le foglie bagnate del grande castagno stormire sotto la finestra. Trovava assurda l'idea  di partire per le vacanze: subire il diluvio qui, a Parigi, o in un buco lontano centinaia di chilometri... Ma aveva già comprato il biglietto, e ormai bisognava partire, senza domandarsi più se quel viaggio fosse opportuno.
Era stato per puro caso. Pierre sarebbe di certo rimasto a Parigi se, due settimane prima, non avesse incontrato quel François, soprannominato dai suoi compagni di liceo "Zisel", che nel frattempo era diventato giornalista. Lo aveva invitato a bere un caffè; si erano seduti all'aperto e avevano cominciato a parlare.
"Quanto tempo è passato!" disse François, "Dove te ne via ques'estate?"
"Da nessuna parte. Resto a Parigi".
"Perchè?"
Pierre alzò le spalle: non aveva nessuna voglia di viaggiare.

4 commenti:

  1. A differenza di Pierre, la mia voglia di viaggiare scalpita costantemente.
    Bellissimo passaggio Paola, ma dimmi il libro com'è? La Fazi mi sta intrigando parecchio ultimamente. Curiosa di leggere il tuo pensiero a fine lettura. Bacio ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'immagine che hai scelto...pura poesia...♥

      Elimina
    2. Stupenda! Fotografia di Parigi degli anni 50 ad opera del grande Henri Cartier Bresson

      Elimina
  2. Pierre è un personaggio difficile da capire...un uomo che non riesce a trovare lo slancio per vivere, i cui drammi non hanno fatto che schiacciarlo sempre di più nell'anonimato e nello "status quo". A me il libro è piaciuto molto, intenso e asciutto, sottile ma profondo. 153 pagine di pura bellezza stilistica. Orami io compro quasi a scatola chiusa i libri della Fazi, le sue scelte sono sempre di ottimo livello, quello che pubblica mi calza a pennello....un po' come Neri Pozza. Ps : non è una storia d'amore in senso classico, ad ogni modo. Comunque pubblicherò la recensione a breve...stay tuned! ;-)

    RispondiElimina