lunedì 26 settembre 2016

Incipit: Uccelli di Rovo, di Colleen McCullough



"La leggenda narra di un uccello che canta una sola volta nella vita, più soavemente di ogni altra creatura al modo. Da quando lascia il nido cerca e cerca un grande rovo e non riposa finché non lo abbia trovato. Poi, cantando tra i rami crudeli, si precipita sulla spina più lunga e affilata. E, mentre muore con la spina nel petto, vince il tormento superando nel canto l’allodola e l’usignolo. Una melodia suprema il cui scotto è la vita. Ma il mondo tace per ascoltare, e Dio, in Paradiso, sorride. Al meglio si perviene soltanto con grande dolore… O almeno così dice la leggenda."

2 commenti:

  1. Paola le tue letture sono sempre tanto intense...non l'ho mai letto questo, ma considerando che mi sono trovata spesso d'accordo con te, chissà che il suo momento arrivi, magari in un periodo di vacanza. Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cuore. Questo libro è stato ingiustamente bistrattato perché si collega immediatamente al serial che ne hanno tratto anni fa, con Richard Chamberlain nei panni del Reverendo che si innamora di una giovanissima ragazza.In realtà la storia è molto meglio di questo, è una saga familiare che secondo me merita di essere letta. L'autrice è stata tra le più grandi romanziere del secolo scorso, non la prima che butta giù una storiella d'amore, per intenderci!

      Elimina