lunedì 24 ottobre 2016

Incipit: Crepuscolo, di Kent Haruf


"Tornarono dalla scuderia nella luce obliqua del primo mattino. I fratelli McPherson, Harold e Raymond. Vecchi che si avvicinano a una vecchia casa alla fine dell'estate. Attraversarono il vialetto sterrato, superarono il furgone e l'automobile parcheggiata accanto alla rencinzione in rete metallica e varcarono il cancello uno dopo l'altro. Sfregarono la suola degli stivali contro la lama di una sega piantata nel terreno, chiazzato di letame e compatto e lucido tutt'intorno per anni e anni di calpestio, e salirono gli scalini in legno fino alla zanzariera della veranda, poi entrarono in cucina, dove la dicannovenne Vicotira Roubideaux , seduta al tavolo in pino, stava dando il porridge alla figlioletta.
Una volta dentro, si tolsero i cappelli e li appesero ai ganci fissati sulla parete accanto alla porta e subito andarono a lavarsi nell'acquaio. Sotto la fronte bianca avevano la faccia arrossata e segnata dalla vita all'aria aperta, i capelli crespi sulle teste rotonde erano ormai grigio ferro e rigidi come una criniera di cavallo tagliata a spazzola. Dopo essersi lavati, si asciugarono a turno con uno strofinaccio, ma quando si avvicinarono al fornello per riempirsi i piatti la ragazza li fece sedere.
E' inutile che ci aspetti, disse Raymond.
Ci tengo, disse lei. Da domani non sarò più qui."

0 commenti:

Posta un commento