Passa ai contenuti principali

Coffee break



La libertà di pensare, di mal pensare e di pensare poco, la libertà di scegliere da me la mia vita, di scegliere me stessa. Non posso dire "di essere me stessa", poichè non ero altro che una pasta malleabile, ma quella di rifiutare le forme.

                                                                   ***

Le mani di Anne mi risollevarono il viso, io chiusi gli occhi per paura che notasse il mio sguardo. Sentivo colare lacrime di stanchezza, di imbarazzo, di piacere. Allora, come rinunciando a qualsiasi domanda, con un gesto di incomprensione e di resa, Anne fece scivolare la mani lungo il mio viso e mi lasciò andare. Poi mi mise in bocca una sigaretta accesa e si immerse di nuovo nella lettura.
Diedi un senso simbolico a quel gesto, o cercai di dargliene uno. Ma oggi quando non riesco ad accendere un fiammifero, rivedo quello strano momento, quell'abisso tra me e i miei gesti, l'incombere dello sguardo di Anne e quel vuoto intorno, l'intensità di quel vuoto...

                                                                    ***

Oltre al piacere fisico e molto reale che mi procurava l'amore, provavo anche una specie di piacere intellettuale a pensarvi. Le parole "fare l'amore" hanno in sé una seduzione, del tutto verbale, pur separate dal loro significato. Prima ne avevo parlato senza il minimo pudore, senza il minimo imbarazzo e senza notarne il sapore. Ora mi sentivo divenire pudica.

Sfogliando "Bonjour tristesse" di Françoise Sagan

Commenti

  1. Quale meraviglia! Vera letteratura e finalmente resa accessibile in questo bellissimo angolo pomeridiano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Adriana grazie..cerco sempre nel mio piccolo di invogliare alla lettura di buoni lirbi...Ho amato tantissimo questo, così come ho semre amato Francois Sagan!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Incipit: Le notti bianche, di Fedor Dostoevskij

"Era una notte meravigliosa, una di quelle notti che possono esistere solo quando siamo giovani, caro lettore. Il cielo era così pieno di stelle, così luminoso, che a guardarlo veniva da chiedersi: è mai possibile che vi sia sotto questo cielo gente collerica e capricciosa? Anche questa domanda è da giovani,caro lettore, proprio da giovani, ma che Dio la faccia sorgere più spesso nell'anima tua! ... A proposito di persone colleriche e capricciose, non posso non ricordare come mi comportai bene durante tutta quella giornata. Fin dal mattino ero stato tormentato da una strana angoscia...."

Incipit - L'amore ai tempi del colera, di Gabriel Garcia Marquez

Era inevitabile: l’odore delle mandorle amare gli ricordava sempre il destino degli amori contrastati. Il dottor Juvenal Urbino lo sentì appena entrato nella casa ancora in penombra, dove era accorso d’urgenza per occuparsi di un caso che per lui aveva cessato di essere urgente da molti anni.
Il rifugiato antillano Jeremiah de Saint-Amour, invalido di guerra, fotografo di bambini e il suo avversario di scacchi più pietoso, si era messo in salvo dai tormenti della memoria con un suffumigio di cianuro di oro. Trovò il cadavere sotto una coperta nella branda da campo dove aveva dormito sempre, vicino a uno sgabello con la bacinella che era servita a vaporizzare il veleno. Per terra, legato a una gamba della branda, c’era il corpo disteso di un gran danese col petto spruzzato di bianco, e vicino a lui c’erano le grucce. La stanza soffocante e confusionata che serviva al tempo stesso da camera da letto e da laboratorio, incominciava appena a illuminarsi col bagliore dell’alba dalla finestr…

Incipit - I Malavoglia, di Giovanni Verga

Un tempo i Malavoglia erano stati numerosi come i sassi della strada vecchia di Trezza; ce n’erano persino ad Ognina, e ad Aci Castello, tutti buona e brava gente di mare, proprio all’opposto di quel che sembrava dal nomignolo, come dev’essere. Veramente nel libro della parrocchia si chiamavano Toscano, ma questo non voleva dir nulla, poiché da che il mondo era mondo, all’Ognina, a Trezza e ad Aci Castello, li avevano sempre conosciuti per Malavoglia, di padre in figlio, che avevano sempre avuto delle barche sull’acqua, e delle tegole al sole. Adesso a Trezza non rimanevano che i Malavoglia di padron ‘Ntoni, quelli della casa del nespolo, e della Provvidenza ch’era ammarrata sul greto, sotto il lavatoio, accanto alla Concetta dello zio Cola, e alla paranza di padron Fortunato Cipolla.
Le burrasche che avevano disperso di qua e di là gli altri Malavoglia, erano passate senza far gran danno sulla casa del nespolo e sulla barca ammarrata sotto il lavatoio; e padron ‘Ntoni, per spiegare i…