martedì 8 novembre 2016

Un martedì da scrittori: "Un profumo da annusare o I Saltimbanchi", di Gustave Flaubert

"Un martedì da scrittori" è una rubrica dedicata agli autori emergenti, per dar loro un po' di spazio e di tempo per farsi conoscere anche grazie al passa parola letterario. In questo caso, come si evince dal titolo, non si tratta affatto di un autore emergente (parliamo di Flaubert!), ma di un romanzo breve che fino ad ora non era mai stato tradotto in Italia. Quindi, in un certo senso, è come se lo fosse.
La "Bottega dei traduttori" è una comunità letteraria composta da giovani talenti, che si occupa di un progetto davvero ambizioso e interessante: dare risalto ai classici della letteratura straniera mai tradotti in lingua italiana (o le cui precedenti traduzioni sono ormai introvabili perché fuori commercio) di autori noti e meno noti del panorama letterario mondiale, con particolare attenzione alla forma del racconto breve. Il progetto mira, col tempo, a creare una community di traduttori animati dalla passione per la letteratura, il desiderio di sfruttare le proprie competenze per condividere con i lettori piccole grandi gemme dimenticate e maturare esperienza attraverso il confronto e lo scambio reciproco con i membri del gruppo e con revisori più esperti.
Sul sito internet dedicato esiste una lista in continuo aggiornamento, dal momento che il gruppo accoglie periodicamente nuovi traduttori: essa raccoglie tutte le opere che verranno pubblicate nella  collana "I classici da (ri)scoprire" (che potete visionare a questo link). Per ogni opera inserita sono presenti la sinossi, la presentazione del traduttore che se ne sta occupando e, in qualche caso, anche un breve estratto. Personalmente sono molto incuriosita da questa iniziativa e credo che l'idea di pubblicare per la prima volta i romanzi minori di grandi autori del passato, dimenticati o semplicemente da rispolverare, rappresenti qualcosa di veramente nuovo nel panorama letterario attuale, e per questo  di forte interesse. Un'idea vincente, insomma. Se come me siete interessati a seguirli questi sono i contatti: 

Fatta questa doverosa quanto necessaria premessa, lascio lo spazio a " Un profumo da annusare o I Saltimbachi" di Gustave Flaubert, tradotto da Ramona Loperfido.
Sinossi:
“Un profumo da annusare o I Saltimbanchi” fa parte degli scritti giovanili di Gustave Flaubert. Si tratta di un racconto che l'autore stesso definisce “filosofico, morale, immorale, ad libitum” e che contiene un messaggio “triste, amaro, oscuro e scettico”: sarà compito del lettore ricercarlo nel testo e identificarlo. Composta nel 1836, quando Flaubert non aveva ancora compiuto quindici anni, l'opera narra la storia di una famiglia di saltimbanchi sventurati che si ritrova a dover fare i conti con la fame e la povertà. Marguerite, la protagonista, è una donna brutta, invecchiata precocemente a causa delle pene che la vita le ha inflitto. Derisa e disprezzata da una società che non si cura di chi è meno fortunato, la "Rossa Laida" sarà costretta a subire il tradimento del marito Pedrillo con la saltimbanca Isabellada, una ventenne “bella, incoronata di fiori, di profumi e d'amore”. La gelosia e la rabbia prenderanno così il sopravvento e Marguerite, tanto risoluta quanto disperata, compirà un gesto estremo che sancirà il punto di non ritorno della storia, l'epilogo "bizzarro e amaro" già preannunciato dall'autore stesso nella sua introduzione al racconto. La scelta di inserire “Un profumo da annusare o I Saltimbanchi” all'interno della collana "Classici da (ri)scoprire" nasce dall'idea di rendere fruibile al lettore italiano un testo quasi del tutto sconosciuto nel nostro panorama letterario e che, al contrario, meriterebbe una grande attenzione. A differenza delle opere più note del nostro autore quali “Madame Bovary”, “L'educazione sentimentale” o “Salammbô”, infatti, gli scritti giovanili di Flaubert occupano ancora un ruolo marginale. Eppure le tematiche trattate e lo stile adottato lasciano già presagire la dimensione letteraria che assumerà poi il Flaubert della maturità. Il sogno, l'evasione mentale, le allucinazioni regalano attimi di speranza fugace a personaggi ben tipizzati che, annientati da una natura "che si è fatta matrigna", lottano contro la sofferenza e le ingiustizie sociali. Alla fine chi vincerà?

Ramona Loperfido è la giovane traduttrice che si è occupata del romanzo: Pugliese, classe ’84, inguaribile francofila. Nata e cresciuta con una passione smisurata per le lingue straniere, i libri e le parole. Ha studiato traduzione economico-giuridica all’Université Jean Moulin di Lione e si è specializzata in Traduzione Editoriale presso la Scuola Superiore di Lingue Moderne per Interpreti e Traduttori di Forlì. Attualmente lavora come traduttrice e consulente linguistica freelance specializzata in francese europeo e canadese e in inglese, soprattutto nell’ambito dell’amministrazione e del marketing aziendale, anche se la letteratura rimane comunque il suo interesse più grande. Adora la lettura in lingua originale, la scrittura creativa e i viaggi culturali. Scrive di lingue e traduzione sul suo blog (RL Traduzioni) e ha un romanzo in cantiere.
Auguri buone letture a noi e faccio un caloroso "in bocca al lupo" a Ramona Loperfido e a tutta la comunità de "La bottega dei traduttori": bravi!


 
Titolo: “Un profumo da annusare o I Saltimbanchi”
Autore: Gustave Flaubert
Traduttore: Ramona Loperfido
Editore: "La bottega dei traduttori" (Youcanprint)
Pagine: 47
Formato: e-book e presto anche in versione cartacea
Prezzo e-book: 1,99 euro
Disponibile su: Amazon e tutti gli store digitali

2 commenti:

  1. post formidabile! Finalmente qualcuno ha il coraggio di riscoprire i piccoli tesori della letteratura! E questo mi regala aria di libertà, perché sento un grande desiderio di ricerca, di un innato amore per la letteratura da parte tua, Paola,e da parte di questa bellissima comunità di giovani: vero fulcro dell'esistenza
    grazie!
    Adriana Pitacco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Adriana, anche io sono felice di queste iniziative perché l'amore per la letteratura deve essere contagioso: è bello quando riesce a diffondersi attraverso la passione!

      Elimina