lunedì 30 gennaio 2017

Recensione: La ladra di ricordi, di Barbara Bellomo - Edizioni Salani



Mi sono approcciata a questo libro con qualche preconcetto di troppo, che per fortuna si sono disintegrati fin dalle prime pagine. La  lettura si è rivelata infatti estremamente piacevole e mi ha riconciliata un po' con gli autori emergenti delle letteratura italiana, che ultimamente mi avevano riservato brutte sorprese...o meglio, tristi conferme. E' uno di quei libri che rappresentano la compagnia perfetta, da gustarsi accoccolati in poltrona durante una di quelle brevi e freddolose domeniche di gennaio, avvolti dal tepore di una coperta calda e rinfrancati dal profumo di una tazza di caffè bollente.
Questo non è un esordio nel senso letterale del termine, perché Babrara Bellomo è una docente laureata in Lettere con alle spalle diverse pubblicazioni e un dottorato in Storia Antica. Quindi  sa utilizzare molto bene lo strumento linguistico, è padrona dell'italiano, scrive molto bene ed io le sono grata per questo: in un paese come il nostro in cui sembrano esserci più autori che lettori, troppe volte la grammatica e la sintassi prendono il volo, e questa è una cosa che mi disturba enormemente. Ma torniamo al romanzo. La Bellomo imbastisce una storia perfetta sotto tanti punti di vista, arricchita anche da una copertina che mi ha fatta innamorare a prima vista. La prima cosa che ho gradito, padronanza dell'italiano a parte, è lo stile dell'autrice: elegante, sobrio, mai una parola di troppo, eppure efficace e d'impatto. Amo gli stili essenziali  in cui i fronzoli letteari, le fioriture e il lirismo forzato sono completamente assenti, perché li considero una prerogativa dei romanzi classici ed a mio avviso stanno bene solo lì. L'ambientazione è stata un'altro punto forte del romanzo. La storia si snoda infatti per la maggior parte all'interno dell'ambiente universitario di Todi, in Umbria,  e a parte una piccola incursione in Sicilia, tutto si svolge in quel piccolo microcosmo tra studenti, professori e borsisti. Scegliere una piccola cittadina così ricca di storia e di fascino come base per lo sviluppo della narrazione credo sia stata un'ottima idea e non ha fatto altro che aumentare la mia curiosità. Un altro punto a favore è stato certamente  il personaggio su cui ruota l'intera vicenda, Isabella De Clio. Avevo il timore di incappare in uno di quei protagonisti seriali un po' tutti uguali tra loro, tutti tormentati, e tutti rigorosamente appesi ad  una storia d'amore difficile. Perchè - si sa - la storia d'amore zuccherosa funziona sempre, anche quando non c'entra nulla con il contesto. Grazie Barbara Bellomo per non aver buttato anche tu la tua protagonsita nel mare pescoso dei cliché amorosi, mantenendo intatta la sua originalità. Grazie per aver dipinto il bel ritratto di una giovane donna anticonformista che mette il proprio lavoro e la propria realizzazione personale davanti a tutto il resto, forte del motto " il lavoro resta, gli uomini vanno e vengno".  Grazie infine perché l'hai resa normale aggiungendo alla sua forza i suoi difetti, senza esagerarli, e rendendola per questo così simile a tutte noi, donne imperfette ed incasinate. Quelle che siamo, o quelle che siamo state.
Isabella De Clio è una studiosa di 28 anni, laureata in archeologia e specializzata in gemme antiche, che vive da una paio di anni a Todi per lavorare ad un progetto che potrebbe aprirle le porte dei più importanti musei italiani.  Siciliana di origine, è partita dal suo paese lasciandosi alle spalle una storia d'amore fallita miseramente, che ha rinforzato ancora di più la sua naturale ritrosia e la sua totale mancanza di fiducia negli uomini. Suo padre l'ha abbandonata che era ancora una bambina, gettando un'ombra di dolore sulla sua infanzia che ancora oggi la accompagna  e che le sabota inevitabilmente la vita sentimentale. Le problematiche affettive che ha dovuto affrontare  l'hanno portata a sviluppare un disturbo della personalità molto particolare, di cui nessuno è a conoscenza, e che la umanizza a tal punto che viene difficile pensare che questa ragazza non esista realmente. Mi sarebbe piaciuto conoscerla, e fare quattro chiacchiere con lei davanti ad una birra. Isabella, oltre ad essere molto brava nel suo lavoro,  non passa certo inosservata:  alta, magra, con i capelli rossi lunghi e ribelli, nasconde la sua femminilità dentro i suoi  inseparabili  jeans e sembra faccia di tutto per essere schivata dagli uomini....ma ad  un occhio più sensibile ed attento non può sfuggire la sua sensualità. La bellezza di Isabella è per intenditori: non è sfacciata nè banale, e per questo estremamente affascinante. Sono tutte peculiarità che mi hanno fatto entrare immeditamente in sintonia con lei, in tutto e per tutto. Non sa cucinare, si sfama con caffè e fette biscottate, si sposta per le strade di Todi con una moto d'epoca (una Morini) e la storia ha per lei un'attrattiva incredibile. Mi ha ricordato com'ero io a quell'età, durante i primi anni vissuti da sola, in una mansarda che sovrastava i tetti della mia città. Ombrosa e volitiva esattamente com'è lei, scappavo anche io da un uomo sbagliato e, molto più semplicemente, da me stessa. Alta anche io un metro e ottanta, i jeans come una seconda pelle, non avevo nemmeno un forno per cucinare e non me ne importava affatto. Mi rifugiavo dopo il lavoro nella mia tana sulle colline, da cui potevo ammirare un panorama mozzafiato e scrivevo, scrivevo...e poi leggevo, ascoltavo tantissima musica, ma soprattutto scrivevo fino a notte fonda. Come una moderna bohemienne. Ma questa è un'altra storia, ed io devo finire di parlare di Isabella.
La nostra protagonista finirà nel bel mezzo di un noir a tinte fosche, quando la placida  cittadina viene messa sotto sopra da un efferato omicidio. Una signora anziana, dalla vita tranquilla ed irreprensibile, viene trovata barbaramente uccisa nel suo appartamento. La donna aveva appena telefonato all' Università confidando al Professore di Museologia di essere in possesso di un cammeo risalente all'epoca romana di Ottaviano, e questo getta immediatamente un'aura di mistero sul macabro ritrovamento. Il cammeo sarà l'elemento chiave che unirà la storia antica al mistero moderno, e che creerà un forte legame tra coloro che si imbatteranno nella vicenda, ognuno per motivi diversi. Non posso più raccontare nulla, perché la trama dovete scoprirla da voi, godendo di questa storia pagina dopo pagina. Ho incontrato diversi personaggi durante la lettura, tutti sapientemente delineati. Il tocco in più dell'autrice è stato lasciare un pizzico di "non detto", quel tanto che basta per scatenare la nostra immaginazione. Il professore che soffre di depressione in seguito alla vedovanza, il commissario di polizia ingessato in un matrimonio ormai logoro, il nipote della donna assassinata che cerca consolazione nella marijuana...Ognuno di noi può ritrovare qualcosa di sè in loro, e questo è un aspetto  molto  importante per un romanzo. E' fondamentale che il lettore riesca a scovare un po' di se stesso nelle trame di un libro, perché è ciò che rende la lettura un'esperienza unica. Io ho trovato molto di me in tutti loro, Isabella a parte. La loro quotidianità è descritta con  sobria maestria, hanno ombre che li accompagnano sempre, anche nei gesti più banali, e questo rende l'empatia facile ed immediata. La storia antica, piena di fascino e suggestioni, fa capolino attraverso le vicessitudini del Cammeo di Ottaviano e resta il filo conduttore di tutto il romanzo, con mio enorme piacere e soddisfazione. 
Non esistono banalità in questo romanzo,  e gli spunti di riflessione sono molteplici. Forse alcuni di questi potevano essere sviluppati più approfonditamente, magari il problema di Isabella poteva essere sviscerato più nel dettaglio. Le critiche si possono fare, volendo. In fondo è un romanzo di esordio e qualche  lacuna è inevitabile. Ad ogni modo il finale un po' sfumato lascia aperte molte strade, sono sicura che ci sarà un prosieguo e che alcune di queste mancanze saranno colmate. So già che Isabella De Clio e la sua strana famiglia acquisita mi mancheranno, per cui attendo con ansia una nuova indagine sulle orme dell'antica Roma.

Titolo: La ladra di ricordi
Autore: Barbara Bellomo
Casa Edtirice: Salani
Pagine: 310
Anno di pubblicazione: 2016



6 commenti:

  1. Recensione perfetta. Hai centrato il fulcro della storia. E come hai correttamente scritto la Bellomo ha dalla sua un bagaglio culturale di tutto rispetto. E si vede.
    Io aspetto con ansia la prossima avventura della De Clio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Chicca. Isabella mi ha proprio conquistata, e Barbara Bellomo è stata un'autentica rivelazione. Non ci resta che rimanerea in attesa di altre avventure nel cuore della storia...

      Elimina
  2. Questo titolo mi era totalmente sfuggito anche se la Salani mi piace molto come casa editrice. Anche io non amo gli stili fioriti e pieni di fronzoli, quindi questo è un punto a favore per l'autrice.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Beth, io non posso far altro che consigliarti di leggerlo! Come avrai "intuito" dalla mia recensione si tratta di una lettura davvero coinvolgente e particolare...sono sicura che amerai Isabella De Clio e il suo mondo fatto di storia e di ricordi.

      Elimina
  3. Una storia molto coinvolgente, poi come bene dici tu, ogni lettore s'identifica in modo diversi con i personaggi e la storia perciò la vive in modo diverso. Cercherò sicuramente questo libro e forse, se il modo in cui la scrittrice scrive mi convince lo comprerò.
    Ho deciso di seguire questo blog su GFC per non perdermi in futuro altri suggerimenti simili.
    Cari saluti,
    Flo di
    https://femeieastazi.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Flo, benvenuta tra i miei lettori. Sono contenta di averti invogliato alla lettura di un libro che merita davvero...Ed ora passo a curiosare nel tuo blog!

      Elimina