domenica 5 febbraio 2017

Coffee break


Ripensando alla mia infanzia, mi chiedo come sono riuscito a sopravvivere. Naturalmente è stata un'infanzia infelice, sennò non ci sarebbe gusto. Ma un'infanzia infelice irlandese è peggio di un'infanzia infelice qualunque, e un'infanzia infelice irlandese e cattolica è peggio ancora.

                                                                         ***

 Il maestro dice che è arrivato il momento di prepararsi alla prima confessione e alla prima comunione, di sapere e ricordarsi tutte le domande e le risposte del catechismo, di diventare un bravo cattolico, di conoscere la differenza tra giusto e sbagliato, di morire per la fede se richiesto.
Il maestro dice che è una cosa meravigliosa morire per la fede e Papà dice che è una cosa meravigliosa morire per l'Irlanda e allora io mi domando se al mondo c'è qualcuno che ci vorrebbe vivi. I miei fratelli sono morti e mia sorella pure, ma chissà se sono morti per la fede o per l'Irlanda. Papà dice che erano troppo piccoli per morire per qualcosa. Mamma dice che è stato per la fame e le malattie e perché lui non aveva mai un lavoro. Och, Angela, risponde Papà, poi si infila il berretto e esce a fare una lunga passeggiata.

                        
                                                                         ***

Dovete studiare e imparare per farvi un'opinione vostra sulla storia e su tutto, se la mente è vuota le opinioni uno non se le può fare. Riempitevi la mente, riempitevi la mente. La mente è il vostro tesoro e nessuno al mondo può ficcarci il naso. Se uno di voi vincesse la lotteria d'Irlanda e si comprasse una casa in cui servissero i mobili secondo voi ci metterebbe tutta robaccia? La mente è la vostra casa e se la riempite di robaccia sentita e vista al cinema la manderete in malora. Potete anche essere poveri e avere le scarpe rotte, ma la vostra mente sarà sempre un palazzo.

Sfogliando Le ceneri di Angela, di Frank McCourt
                                                                        


0 commenti:

Posta un commento