martedì 28 febbraio 2017

Incipit: il porto delle nebbie, di Georges Simenon



"Quando avevano lasciato Parigi, verso le tre del pomeriggio, la folla brulicava ancora sotto un pallido sole annuale. Poi, verso Mantes, si erano accese le lampade dello scompartimento. A Evreux, fuori era tutto buio. E adesso, attraverso i finestrini lungo i quali scivolavano gocce di vapore, si vedeva uan fitta nebbia che circondava di un alone lattiginoso le luci della strada ferrata.
Sprofondato in un angolo, con la nuca appoggiata al bordo del sedile e gli occhi socchiusi, Maigret osservava meccanicamente i due personaggi che aveva di fronte, così diversi l'uno dall'altro.
Il capitano Joris dormiva, con la parrucca di traverso sull'ormai celebre cranio e il vestito spiegazzato.
Julie, con le mani sulla borsetta di finto coccodrillo, fissava un punto indefinito dello spazio, cercando di mantenere, nonostante la stanchezza, un atteggiamento posato."

0 commenti:

Posta un commento