sabato 4 marzo 2017

Coffee break



Come arrivammo ad abbracciarci così presto? Chi allungò per primo la mano? Chi cercò le labbra dell'altro? Sicuramente io. Non appena riuscii a tirare fuori la voce per rompere il silenzio carico di intenzioni nel quale ci guardavamo, gli annunciai senza preamboli che lo stavo aspettando da molto tempo, perché l'avevo visto nei sogni e nelle perline e nelle conchiglie da divinazione, gli dissi che ero disposta ad amarlo per sempre e gli feci altre promesse, vuotando il sacco.

                                                                   ***

Questa è la mia storia e quella di un uomo, Pedro de Valdivia, le cui eroiche prodezze sono state annotate con rigore dai cronisti e permarranno nelle loro pagine fino alla fine dei tempi; ma io so di lui ciò che la Storia non potrà mai conoscere: di cosa aveva paura e come amava.

                                                                  ***

"E tu cosa vuoi, Pedro?"
"Fondare il Cile insieme a te" rispose senza pensarci due volte.
"Allora è quel che faremo."
"E' quel che faremo, Inés dell'anima mia..."




Sfogliando "Ines dell'anima mia", di Isabel Allende

0 commenti:

Posta un commento