Passa ai contenuti principali

Un martedì da scrittori: Manuela Caracciolo presenta Quella notte a Merciful Street - TRENTA EDITORE



Dopo diverse settimane torna la rubrica dedicata agli scrittori esordienti, con mio grande  piacere. Sono sempre disponibile a pubblicizzare le opere prime di talenti in erba, perchè sono fermamente convinta che questo dovrebbe essere uno dei "doveri" principali di un blog che ha fatto dei libri e della letteratura il suo centro nevralgico. L'unica discriminante è il genere di  romanzo che mi si chiede reclamizzare, perché deve essere  attinente con le tematiche del blog: erotici, horror, young adult e romance qui non trovano posto. Si tratta certamente di gusti personali, ma anche di una scelta concettuale di fondo che detta le file di tutto il blog e che è la ragione principale per cui è stato aperto: se qualcuno si stesse chiedendo quale sarebbe questa tematica trovate spiegato tutto QUI  . Ed ora veniamo al sodo!
CHI E' L'AUTRICE?
Manuela Caracciolo è nata ad Asti nel 1980, mostra da subito la sua predilezione per il disegno e la moda. Dopo aver frequentato l’Istituto Europeo di Design a Torino, si diploma al Corso di Fashion & Textile Design e inizia a lavorare come stilista e graphic designer.
Dal 2007 diventa giornalista e comincia a collaborare come reporter per giornali locali come Gazzetta d’Asti ed alcune testate on line americane: La Voce di New York e America24 del Gruppo Il Sole 24 Ore.
Si occupa anche di comunicazione per varie realtà nell’ambito della cultura e dell’enogastronomia svolgendo attività di addetto stampa. Autrice di racconti e poesie, ha ottenuto numerosi riconoscimenti letterari oltre ad aver pubblicato nel 2011 la raccolta di racconti Storie sole.


SINOSSI:

Ambientato in una Manhattan intrappolata da neve e ghiaccio , in cui si narrano le vicende di cinque personaggi costretti, loro malgrado, a condividere l’isolamento causato dalla tempesta.
All’apparenza, l’unico filo rosso che li lega è il domicilio in Merciful street, nel cuore dell’East village: C’è la signora Audrey con le sue nostalgie, le sue ricette “magiche” e l’amore per i suoi gatti, perno magnetico intorno al quale ruotano strane forze ancestrali, c’è l’ affascinante Kate, ragazza madre e avvocatessa di grido con il suo bambino ed i coniugi Woodsen, una stravagante coppia di artisti, e c’è l’attempato Arthur, rimasto vedovo ed in cerca di una nuova dimensione per uscire dal proprio dolore.
Ciascuno con le proprie manie ed i propri rimorsi ma anche la voglia di sentirsi meno soli, convive in serenità con gli altri fino all’arrivo del nuovo inquilino Edward Dunkan, broker viziato e irascibile, che non sopporta i gatti e sconvolge le vite degli inquilini.
Intanto, fuori dalle finestre dell’abitazione aleggia una figura dalle ali nere, funesta e soprannaturale, accompagnata da una ragazzina misteriosa. La coppia di strani personaggi andrà a sovvertire, con poteri ancestrali, la sorte degli abitanti di Merciful Street.
Una metropoli spettrale flagellata da vento e ghiaccio farà da cupo sfondo agli incontri notturni dei personaggi, ognuno alle prese con i propri fantasmi in una dimensione al limite dell’immaginazione.
Nell’arco temporale di una sola notte, tutti dovranno fare i conti con la parte più nascosta di se stessi, con i segreti più profondi, rispolvereranno i ricordi, riapriranno ferite mai cicatrizzate, nel tentativo di saldare in qualche modo i propri debiti con il fato.
Tra ricette segrete, biscotti magici ed effluvi aromatici e formule ancestrali, si snoda una storia a metà tra realtà e fantasia, ci si addentra tra le stanze della mente umana, tra pensieri e ossessioni, illuminando gli angoli bui, attraverso le fragilità personali e le paure, cercando di vincere la lotta continua contro un destino già stato deciso da leggi non conosciute, che sfidano l’umana comprensione.


DOVE ACQUISTARLO:

"Quella notte a Merciful Street" è distribuito da Trenta Editore http://www.trentaeditore.it/ed è disponibile sui canali
 IBS
TITOLO: Quella notte a Merciful Street
AUTORE: Manuela Caracciolo
CASA EDITRICE: Trenta Editore 
PAGINE:224
ANNO DI PUBBLICAZIONE: 2017

Commenti

Post popolari in questo blog

Incipit: Le notti bianche, di Fedor Dostoevskij

"Era una notte meravigliosa, una di quelle notti che possono esistere solo quando siamo giovani, caro lettore. Il cielo era così pieno di stelle, così luminoso, che a guardarlo veniva da chiedersi: è mai possibile che vi sia sotto questo cielo gente collerica e capricciosa? Anche questa domanda è da giovani,caro lettore, proprio da giovani, ma che Dio la faccia sorgere più spesso nell'anima tua! ... A proposito di persone colleriche e capricciose, non posso non ricordare come mi comportai bene durante tutta quella giornata. Fin dal mattino ero stato tormentato da una strana angoscia...."

Incipit - L'amore ai tempi del colera, di Gabriel Garcia Marquez

Era inevitabile: l’odore delle mandorle amare gli ricordava sempre il destino degli amori contrastati. Il dottor Juvenal Urbino lo sentì appena entrato nella casa ancora in penombra, dove era accorso d’urgenza per occuparsi di un caso che per lui aveva cessato di essere urgente da molti anni.
Il rifugiato antillano Jeremiah de Saint-Amour, invalido di guerra, fotografo di bambini e il suo avversario di scacchi più pietoso, si era messo in salvo dai tormenti della memoria con un suffumigio di cianuro di oro. Trovò il cadavere sotto una coperta nella branda da campo dove aveva dormito sempre, vicino a uno sgabello con la bacinella che era servita a vaporizzare il veleno. Per terra, legato a una gamba della branda, c’era il corpo disteso di un gran danese col petto spruzzato di bianco, e vicino a lui c’erano le grucce. La stanza soffocante e confusionata che serviva al tempo stesso da camera da letto e da laboratorio, incominciava appena a illuminarsi col bagliore dell’alba dalla finestr…

Incipit - I Malavoglia, di Giovanni Verga

Un tempo i Malavoglia erano stati numerosi come i sassi della strada vecchia di Trezza; ce n’erano persino ad Ognina, e ad Aci Castello, tutti buona e brava gente di mare, proprio all’opposto di quel che sembrava dal nomignolo, come dev’essere. Veramente nel libro della parrocchia si chiamavano Toscano, ma questo non voleva dir nulla, poiché da che il mondo era mondo, all’Ognina, a Trezza e ad Aci Castello, li avevano sempre conosciuti per Malavoglia, di padre in figlio, che avevano sempre avuto delle barche sull’acqua, e delle tegole al sole. Adesso a Trezza non rimanevano che i Malavoglia di padron ‘Ntoni, quelli della casa del nespolo, e della Provvidenza ch’era ammarrata sul greto, sotto il lavatoio, accanto alla Concetta dello zio Cola, e alla paranza di padron Fortunato Cipolla.
Le burrasche che avevano disperso di qua e di là gli altri Malavoglia, erano passate senza far gran danno sulla casa del nespolo e sulla barca ammarrata sotto il lavatoio; e padron ‘Ntoni, per spiegare i…