Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Giugno, 2017

Recensione:Le belle Cece, di Andrea Vitali - Edizioni Garzanti

Per fortuna questo romanzo si legge velocemente. Dico "per fortuna" perché, a costo di tirarmi dietro le ire di migliaia di lettori e critici letterari, non amo molto questo scrittore. Non si tratta di snobismo nei confronti della  produzione italiana da classifica (generalmente piuttosto scarsa, secondo me) e nemmeno credo si tratti solo di gusti personali: la sua prosa, infatti, il più delle volte mi stanca e non riesce a strapparmi sorrisi come invece pare succeda a tanti. Uno stile che annoia, anche se si trattasse di un solo lettore, merita un approfondimento: quando uno scrittore tecnicamente è bravo, chi ama leggere lo apprezza a prescindere. Tutto il resto è opinabile, ma non questo. Partiamo però dai punti di forza di Vitali, che accomunano tutta la sua prolifica bibliografia: l'ambientazione e la rievocazione storica dell'Italia all'alba dell'Impero fascista. Le storie di Vitali sono tutte ambientate a Bellano, sul lago di Como, un piccolo paese ch…

Recensione: L'estate più bella della nostra vita, di Francesca Barra - Edizioni Garzanti

Sono una lettrice con alle spalle un'onorata carriera, ormai perfettamente consapevole di cosa può rientrare nei miei gusti e cosa invece no. L'ultima fatica letteraria di Francesca Barra, “L'estate più bella della nostra vita”, (edizoni Garzanti) non mi convinceva affatto. Titolo ruffiano, copertina acchiappa-adolescenti ed un nome ingombrante, quello dell'autrice stessa, nota purtroppo più per il gossip che per la sua bravura come giornalista e scrittrice. Non mi aspettavo quindi niente di buono mentre ordinavo su Amazon il suo romanzo, ma l'aspetto giocoso della gara di lettura a cui sto partecipando dall'inizio dell'anno prevede anche questo: spingere chi partecipa a distaccarsi un po' dalle proprie zone di comfort, sciogliendo riserve e snobismi che tutti noi lettori ci portiamo dietro come antipatiche zavorre. Purtroppo però mi sono ricreduta solo parzialmente.
Il romanzo è ambientato nella splendida Basilicata, in un paesino da cartolina che ha…

Recensione: La sposa scomaparsa, di Rosa Teruzzi - Sonzogno

Prima di leggere questo romanzo ho fatto quello che non si dovrebbe mai fare: leggere prima il suo seguito. Ma non ho saputo resistere, perché quando ho ordinato il libreria “La sposa scomparsa” era appena uscito “la fioraia del Giambellino” e purtroppo certi richiami sono il mio debole. Mi sono resa conto subito che avevo commesso uno sbaglio, perché anche se Rosa Teruzzi è indulgente con chi non ha conosciuto subito le tre Miss Marple di Milano, certi particolari della loro storia (intima e non) li avrei saputi cogliere e comprendere meglio se avessi letto per primo questo romanzo, apprezzandoli come meritavano. Ad ogni modo l'innamoramento è scattato subito: Iole, Libera e Vittoria sono personaggi dotati di una forza narrativa sorprendente, e costituiscono l'elemento vincente di questo romanzo. Solitamente nei romanzi gialli i veri protagonisti sono l'assassino, la storia, la suspence e l'originalità della trama, che più è intricata e più diverte noi lettori. Rosa …

Recensione: dentro l'acqua, di Paula Hawkins - Edizioni PIEMME

Paula Hawkins è tornata. Questa è senza dubbio una buona notizia per il mercato editoriale, perché già sappiamo che il suo nuovo thriller balzerà in testa alle classifiche con l'agilità di un ghepardo: ma per noi lettori? Cosa ci dobbiamo aspettare da quest'autrice da un milione di dollari, sbucata fuori dal nulla in un giorno qualunque di tre anni fa e mai più scesa dall'olimpo delle vendite? Pensavo che sarebbe stato impossibile per la Hawkins bissare il successo precedente,  anche perché  per quanto "La ragazza del treno" mi sia piaciuto parecchio (trovate QUI la mia recensione), è ben lontano dall'essere un capolavoro di genere. Comunque sia io ho acquistato e letto "Dentro l'acqua", certa che nella peggiore delle ipotesi mi avrebbe regalato qualche giornata di suspance e divertimento. L'autrice, come è logico, ricalca i passi che l'hanno resa celebre confezionando un thriller psicologico angosciante, in cui dominano le sensazioni n…

Shopping di giugno

Giugno è appena iniziato e le novità in libreria sono davvero molte, una più allettante dell'altra.  Queste sono le mie scelte: quattro volumi che rappresentano in pieno le mie inclinazioni per quanto riguarda autori, generi e  case editrici. Buona lettura!




 Daisy Goodwin
Victoria

Vittoria ha solo diciott’anni quando, nel 1837, la morte dello zio Guglielmo IV la innalza al trono d’Inghilterra. Esce da un’adolescenza malinconica e nei suoi primi giorni da regina viene guardata a vista dalla madre e dall’onnipresente e ambizioso Sir Lord Conroy, che esercita una grossa influenza sugli affari di stato e si sente minacciato dal carattere indipendente della giovane sovrana. Sebbene il potere la seduca fin da subito e le conferisca una straordinaria energia, le prime mosse dell’inesperta Vittoria sono però piuttosto avventate, soprattutto quando solleva pesanti, e ingiusti, sospetti contro l’inseparabile dama di compagnia di sua madre, accusata di intrattenere una relazione con l’odi…