Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Settembre, 2017

Recensione: Il mare dove non si tocca, di Fabio Genovesi - Edizioni Mondadori

Fabio Genovesi è uno di quegli autori che osservo da lontano da un po' di tempo, da quando diede alle stampe " Versilia Rock City". Se come lettrice ho un difetto, è quello di snobbare un po' gli autori italiani, innamorata come sono della cultura anglosassone: ed è così che Genovesi, non certo per colpa sua, è finito nel limbo di quelli che prima o poi sarebbero atterrati sul mio comodino. Questa volta però mi si è presentata l'occasione giusta per leggere il suo ultimo lavoro, e per fortuna, perchè le mie perplessità iniziali sono state spazzate via da un entusiasmo sempre crescente, un misto di tenerezza e simpatia che mi ha letteralmente  travolto fin dalle primissime pagine. Quanto ho amato Fabio Mancini, non ve lo so descrivere. Però almeno ci devo provare, perchè questo libro merita di essere letto e consigliato agli amici, di essere regalato e custodito teneramente in un angolo di noi stessi. Il motivo è molto semplice: il protagonista del romanzo è un b…

Recensione; La scelta decisiva, di Charlotte Link - Edizioni Corbaccio

La nostra vita è fatta di scelte continue. Un incessante susseguirsi di bivi quotidiani traccia il percorso della nostra esistenza, ma nella maggior parte dei casi non ce ne rendiamo conto.  Persi nella frenesia del quotidiano compiamo continuamente azioni inconsapevoli: scegliamo come e quando alzarci, se fare colazione in pigiama nella comodità di casa nostra oppure trangugiare un caffè al volo nel bar di fianco all’ufficio…gesti all’apparenza banali e ripetitivi  che comunque determinano l’andazzo di ogni nostro singolo giorno. Cosa succede però quando una delle tante decisioni che prendiamo quotidianamente, per una rocambolesca casualità del destino, diventa  fondamentale al punto da invertire drasticamente la rotta della nostra esistenza? E’ come se ci trovassimo all’interno di un’immensa cartina geografica in cui punti e linee si congiungono e si intersecano tra loro, mano a mano che decidiamo di fare o non fare qualcosa: è così che avvengono gli incontri, gli inc…

Recensione: La Loggia degli Assassini, di Lorena Tessaro - Edizioni Epsil

Ho avuto modo di conoscere Lorena Tessaro l'anno scorso, quando tramite la blogosfera siamo venute in contatto, come spesso accade tra lettori ed autori emergenti. Allora aveva appena pubblicato un thriller che mi era piaciuto molto, "ES" (trovate QUI la mia recensione); con piacere mi ero offerta di leggerne una copia ed esprimere in seguito la mia opinione. Qualche mese fa Lorena si è cimentata con un nuovo romanzo ed un nuovo genere, completamente differente dal precedente: "La loggia degli Assassini". Anche questa volta mi sono prestata volentieri alla lettura, ma purtroppo per una serie di ragioni la mia recensione arriva solo ora. Ogni volta che mi appresto a scrivere la recensione di un romanzo parto sempre dagli aspetti positivi e da quello che mi ha colpito favorevolmente, per arrivare via via ai difetti ed a ciò che invece non mi ha convinta. Questa volta siamo di fronte ad un fantasy di stampo medievale, con intrighi che si intersecano l'uno con…

Recensione: La casa di tutte le guerre, di Simonetta Tassinari - Edizioni Corbaccio

"La casa di tutte le guerre" è una lettura leggera e delicata, che fa breccia nei ricordi della nostra infanzia e, proprio per questo, si fa benvolere. Non sono questi i romanzi che prediligo, di sicuro è un genere che resta molto al di fuori della mia "zona di comfort", ma ho comunque apprezzato lo sforzo dell'autrice nel ricostruire attraverso il racconto un'epoca ormai lontanta, che custodisce la memoria di molti di noi. La protagonista è Silvia, una bambina quasi undicenne che trascorre tutte le estati nella  casa dei nonni paterni in Romagna, nel paesino di Rocca San Casciano. Siamo nel 1967, l'Italia nei piccoli paesi è ancora saldamente aggrappata alle proprie  tradizioni e la modernità di quegli anni favolosi non riesce a penetrare nella mentalità chiusa della gente del posto. Silvia, nata e cresciuta a Bologna, è invece completamente affascinata dalla moda beat, dalla musica di Patty Pravo, dalla mini gonna di Mary Quant e dal caschetto di Cate…